Pubblicato da: rainbowman56 | 29 maggio 2016

Saturday morning cartoon: Adam and Andy

BosGuy

gay comic strip, gay cartoonClick on the comic strip to enlarge

ADAM & ANDY is set in the fictional New England town of Woodfield, CT. You can learn more about this strip by visiting, adamandandy.com.  To see previous Adam and Andy cartoons link here.

View original post

Pubblicato da: rainbowman56 | 18 maggio 2016

‘CURVES SERIES’ BY ALISSON MARKS

Fashionably Male

Elia_01Photographer Alisson Marks share with us his new project entitled "Curves Series" the first guy participated on the project is Elia Berthoud a beautiful Swiss model signed by Major Model Management Milan. I bet this new project will be so much appreciated like all good stuff from Alisson.Photographer Alisson Marks share with us his new project entitled "Curves Series" the first guy participated on the project is Elia Berthoud a beautiful Swiss model signed by Major Model Management Milan. I bet this new project will be so much appreciated like all good stuff from Alisson.Elia_04Elia_05Elia_06Photographer Alisson Marks share with us his new project entitled "Curves Series" the first guy participated on the project is Elia Berthoud a beautiful Swiss model signed by Major Model Management Milan. I bet this new project will be so much appreciated like all good stuff from Alisson.Photographer Alisson Marks share with us his new project entitled "Curves Series" the first guy participated on the project is Elia Berthoud a beautiful Swiss model signed by Major Model Management Milan. I bet this new project will be so much appreciated like all good stuff from Alisson.Photographer Alisson Marks share with us his new project entitled "Curves Series" the first guy participated on the project is Elia Berthoud a beautiful Swiss model signed by Major Model Management Milan. I bet this new project will be so much appreciated like all good stuff from Alisson.

Photographer Alisson Marks share with us his new project entitled “Curves Series” the first guy participated on the project is Elia Berthoud a beautiful Swiss model signed by Major Model Management Milan. I bet this new project will be so much appreciated like all good stuff from Alisson.

View original post

Pubblicato da: rainbowman56 | 18 maggio 2016

Lettera al parassita Bagnasco, di LUCA TRENTINI

Bagnasco.
E noi dovremmo farci dire cosa è famiglia da chi non si è mai sposato?
Farci insegnare la democrazia da chi è stato nominato e mai eletto?
Farci dare le priorità da chi non ha mai lavorato?
Farci dettare l’economia da chi percepisce una pensione da generale di corpo d’armata?
Farci insegnare i diritti da chi ha vissuto di privilegi?
Farci dettare la morale da chi l’ha studiata su dei libri?
La vita, quella vera, è altra cosa caro cardinale.
Ed è triste vederti ad ottant’anni col cuore inaridito per non aver mai veramente vissuto!

di Dario Accolla, Il Fatto Quotidiano
Ed anche quest’anno è arrivata la Settimana contro l’omofobia, che si terrà in tutta Italia per ricordare la storica data del 17 maggio 1990, quando l’Oms rimosse l’omosessualità dalla lista delle malattie mentali. Per tale occasione, grazie all’attivista francese Louis-George Tin, dal 2004 si celebra l’International Day Against Homophobia, Biphobia and Transphobia (Idahot), ricorrenza adottata e promossa dall’Unione Europea. In tutto il territorio nazionale sono previsti incontri, dibattiti, eventi culturali, momenti creativi che hanno l’obiettivo di ricordare che l’odio contro la gay community (dalle violenze alla negazione della vita familiare) non è un’opinione, ma un’aberrazione del pensiero.

E già da sabato 14 maggio, a Bologna, si sono registrate due importanti iniziative. I/ le giovani militanti del Cassero, la storica associazione cittadina, all’interno della campagna di comunicazione #iosono – che fino al 17 maggio prevede la pubblicazione di un selfie che riprende l’hashtag – hanno organizzato la manifestazione “Piazza libera tutt*”, in piazza Galvani, con banchetti informativi e photocorner, insieme alle associazioni del Comitato Pride della città. Sempre sotto lo sguardo delle due torri si è tenuto “Bu – Senza paura”, ricco contenitore di eventi organizzato dalla Compagnia Teatrale Fa’ Broadway di Ferrara, ideato degli attori Alessandro Liuzzi e Andrea Zantonello nel suggestivo spazio B-e20 a cui hanno partecipato esponenti del movimento Lgbt italiano e del mondo dello spettacolo, come Pino Strabioli, Eva Grimaldi, Tiziana Foschi e Daniele Falleri. Importante il momento del talk show d’apertura, moderato da Stefania Orlando, in cui si è dibattuto dell’importanza di prevenire i fenomeni di violenza nel tessuto sociale a cominciare dalla scuola.

Pubblicità

Molte altre le iniziative in programma, dalle Alpi alle isole. A Torino – in reazione al caso dei due gay vessati dal loro intero condominio – Arcigay organizza per il 17 maggio il “Guerrilla Garden”, dall’idea dell’artista Paul Harfleet che nel 2005 ha iniziato a piantare fiori nei luoghi di Manchester dove lui e i suoi amici subivano attacchi omofobi. L’associazione torinese riproporrà questa pratica nella zona vicina al palazzo dove si sono consumate le violenze contro la coppia, in via Paravia 14, nel quartiere San Donato. Sempre al nord, Lush Padova ospiterà l’associazione Arcigay Tralaltro per condividere la nuova campagna nazionale contro l’omofobia. A seguire, si terrà un banchetto informativo (dalle 15.00 alle 18.00 in Piazzetta Garzeria), un flash mob (alle 16.00 di fronte Palazzo Moroni) e la serata sulla storia del movimento Lgbt (ore 21.00 in Corso Garibaldi, 41) che l’associazione ha organizzato per la giornata.

A Siena, come ogni anno, il Movimento Pansessuale organizzerà una intera settimana di eventi con il patrocinio delle amministrazioni locali. Quest’anno la settimana, caratterizzata dall’hashtag #sicuriallameta e collegata al Toscana Pride, che per la prima volta sarà a Firenze il 18 giugno, prevede tra i tanti eventi la realizzazione di uno spettacolo teatrale a cura del gruppo Pan Theatre e un convegno giuridico sulla legge164/82, organizzato con l’Ordine degli avvocati di Siena e Rete Lenford. Anche Perugia sceglie il suo hashtag, #nohero, accompagnato dallo slogan “Non serve essere eroi, ma persone ordinariamente contro le discriminazioni” e proprio per il 17 maggio l’associazione Omphalos Arcigay Arcilesbica sarà in piazza della Repubblica, dalle 17.00, per sensibilizzare la cittadinanza sul tema delle discriminazioni. Lotta contro l’omofobia anche in Sicilia: a Catania il comitato locale di Arcigay propone un momento di convivialità, da condividere con tutta la comunità cittadina, con un after dinner in pieno centro storico, mentre a Siracusa l’associazione Stonewall GLBT propone il contest fotografico “Un selfie per dire #STOPOMOFOBIA!”.

Gli appuntamenti sono molti altri e dimostrano il grande impegno delle associazioni, sia quelle dei circuiti nazionali, sia quelle indipendenti, per rinsaldare il legame tra le varie parti della società, soprattutto di fronte a una narrazione politica che continua a proporre una rappresentazione escludente nei confronti delle minoranze (basta vedere come è proposto il fenomeno della migrazione da certi protagonisti della vita istituzionale nel nostro paese).

Faccio infine notare che, a distanza di pochi giorni dall’approvazione delle unioni civili, i movimenti antigay hanno fatto sentire la loro voce: dalla creazione del comitato referendario per l’abrograzione del ddl Cirinnà alle incursioni di Forza Nuova contro associazioni e iniziative per le persone Lgbt. Ricordare quindi l’errore storico e culturale che rappresenta il sentimento contro lesbiche, gay e trans non è più solo un’occasione di stare insieme, ma un preciso dovere morale di quei cittadini e di quelle cittadine che hanno a cuore la civiltà nel nostro paese. E detto questo, buona lotta. Sempre!
Dario Accolla

Pubblicato da: rainbowman56 | 17 maggio 2016

Batimetria su Titano

Il Tredicesimo Cavaliere

Titano metano etano Il mare Ligeia, mostrato qui in un’immagine in falsi colori ripresa dalla missione internazionale Cassini, è il secondo bacino  liquido più grande conosciuto su Titano, la luna di Saturno. Esso misura circa 420 km x 350 km e le sue coste si estendono per oltre 3.000 chilometri. È costituito da metano liquido. Il mosaico mostrato qui è il risultato di una sintesi di immagini radar ottenute dai flyby tra il febbraio 2006 e l’aprile 2007. Credit: NASA / JPL-Caltech / ASI / Cornell.

Ai tempi in cui la sonda Cassini si stava avvicinando a Saturno e tutti aspettavamo l’arrivo del lander Huygens sulla superficie della luna Titano, prendeva sempre più corpo l’ipotesi che Huygens, invce di trovare una superficie solida, si sarebbe “tuffato” in un mare di idrocarburi. Mi ricordo i bozzetti artistici ispirati a questi avvenimenti apparsi su molti siti Internet del tempo. Alla fine l’atterraggio avvenne su terreno solido, ma…

View original post 724 altre parole

rainbow-flag

Ore 15:46 dell’11 maggio 2016, con 369 sì e 193 no è stata votata la fiducia al Governo sulle unioni civili. È una data storica, l’Italia non è più fanalino di coda in Europa in materia di diritti LGBT. Da oggi anche noi abbiamo una legge che riconosce le unioni tra persone dello stesso sesso.

Certo è una legge monca. Dopo lo stralcio della stepchild adoption, a febbraio nel passaggio al Senato, e ancor prima con la modifica in “formazioni sociali specifiche” (a settembre dello scorso anno in Commissione giustizia), sono stati cancellati tutti i riferimenti alla famiglia.

Del resto, questa legge è stata approvata grazie al voto dell”NCD di Alfano. Lo stesso che il giorno dell’approvazione in Senato del maxemendamento Marcucci disse: «Abbiamo impedito una rivoluzione antropologica contro natura».

Stessi concetti sono stati ribaditi in aula alla Camera dal deputato NCD Calabrò, che si è detto soddisfatto per le modifiche che il suo partito ha apportato al disegno di legge: «Il ddl Cirinnà avrebbe introdotto l’adozione per le coppie gay e la stepchild adoption che avrebbe portato l’utero in affitto in Italia».

Sappiamo benissimo che sono mistificazioni, costruzioni mediatiche realizzate ad hoc per negare l’uguaglianza a tutti i cittadini: la stepchild adoption non ha niente a che fare con l’adozione esterna e ancor meno con la gestazione per altri.

Forse le parole giuste le ha usate Nicola Fratoianni di SEL nell’annunciare il voto contrario alla fiducia di Governo: «La verità è che questa legge, pur dentro un quadro di avanzamento, costruisce in questo paese un’insopportabile discriminazione».

Per questo oggi festeggeremo, ma con l’amaro in bocca. Intanto, il primo passo è stato fatto. Da domani ricominceremo a lottare.

Pubblicato da: rainbowman56 | 7 maggio 2016

In Motion: Braeden Wright by Lalo Torres for Lewis Magazine

Pubblicato da: rainbowman56 | 6 maggio 2016

Morire a 18 anni, dopo il coming out in famiglia

Prima di finire sotto quel treno ad alta velocità, le ultime parole sono state per quel fidanzato con cui, secondo l’insegnante che era diventata la sua confidente, viveva un rapporto sereno. Il pr…

Sorgente: Morire a 18 anni, dopo il coming out in famiglia

Pubblicato da: rainbowman56 | 28 aprile 2016

Already Know him: Dustin Distenfield by Matthew Mitchell Part II

Fashionably Male

Dustin Distenfield by Matthew Mitchell shooting in Palm Springs Jacket and Underwear by Andrew Christian

Dustin Distenfield by Matthew Mitchell shooting in Palm Springs Mesh shorts by Andrew Christian

Dustin Distenfield by Matthew Mitchell shooting in Palm Springs Tank by ENVY, shorts by N2N Bodywear

Dustin Distenfield by Matthew Mitchell shooting in Palm Springs Mesh brief and shirt by ManView

Dustin Distenfield by Matthew Mitchell (5) Mesh shirt Andrew Christian

Dustin Distenfield by Matthew Mitchell shooting in Palm SpringsDustin Distenfield by Matthew Mitchell (8)

Dustin Distenfield by Matthew Mitchell shooting in Palm Springs Shorts by Prada

Dustin Distenfield by Matthew Mitchell shooting in Palm Springs Swimwear by Marcuse

Already know him, right? Super revealing hot images of provocateur hunk Dustin Distenfield by Matthew Mitchell shooting in Palm Springs. Need to mention some more? Go and see the first part here. Happy Hump Day!

View original post

Pubblicato da: rainbowman56 | 14 aprile 2016

Normalità

A Trieste c’è stato l’ennesimo caso di aggressione omofoba contro due ragazzi gay “rei” di baciarsi. La risposta è stata un kiss-in  nella piazza dove è avvenuta la vile aggressione. E un  consigliere di circxoscrizione, tale E. Vania  ha protestato contro il kiss-in definendolo ” un attacco alla normalità”. Si è poi prodotto bella solita litania vittimistica degli omofobi, che si sentono “discriminati” dalla tolleranza verso l’oggetto dei loro pregiudizi.

Ma fatemi capire: Per quel consigliere la “normalità” è aggredire proditoriamente chi non gli va a genio? L’anormalità è tutta di chi considera legittima la violenza e la discriminazione verso le minoranze. Complimenti, consigliere, per aver esternato la sua mentalità da delinquente. Perchè le aggressioni omofobe e razziste sono un delitto.

Older Posts »

Categorie

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 155 follower