Pubblicato da: rainbowman56 | 24 novembre 2014

Le pretese dell’omofobo del mese


http://italians.corriere.it/2014/11/23/le-pretese-del-movimento-lgbt-sono-una-falsa-battaglia-di-uguaglianza/
Da “Italians ” di domenica 23 Novembre
Le pretese del movimento LGBT sono una falsa battaglia di uguaglianza

Il signor Fiore, nella sua appassionata lettera pubblicata su “Italians” il 13 novembre, cita Rosa Park cercando di paragonare il Civil Rights Movement con il movimento LGBT (“Stando buoni e zitti, Rosa Parker avrebbe continuato a sedersi in fondo all’autobus”- http://bit.ly/14K6VEm ). Non è il solo, ovviamente. Qui in USA, i liberal amano questo falso parallelo e tacciano chiunque sollevi perplessità sulle loro pretese di stare dalla parte sbagliata della storia. Tuttavia si tratta di un paragone forzato e scientificamente fallace. Il trattamento riservato ai neri si basava su concezioni razziste prive di qualunque fondamento scientifico. La battaglia per i diritti civili dei neri era in tutto e per tutto una battaglia di uguaglianza. Le pretese del movimento LGBT sono invece una falsa battaglia di uguaglianza, in quanto vogliono rendere uguale ciò che uguale non è. In USA si comincia a parlare di differenza fra “equality” e “sameness”. Molti sono a favore della prima ma non della seconda. Che sia stata un’idea di Dio o il risultato dell’evoluzione, uomini e donne sono diversi. Lo dice la biologia e lo dice la psicologia. La scienza non spiega le origini dell’omosessualità, i molteplici tentativi di trovare un’origine genetica hanno fallito. Le teorie gender cominciano ad essere considerate pseudo-scienza e rigettate anche nei paesi più progressisti del nord Europa (si veda ad esempio il documentario The Gender Equality Paradox e la sorte del Nordic Gender Institute). La decisione di classificare l’omosessualità come “orientamento sessuale” anziché come parafilia è stata presa a maggioranza (una delle tante situazioni in cui politica ed ideologia si mischiano alla scienza). Infine, esistono società in cui l’omosessualità non esiste, come le popolazioni Aka e Ngandu dell’Africa centrale studiate dagli antropologi Barry e Bonnie Hewlett. In definitiva, ci sono forti evidenze che l’omosessualità sia il risultato di scelte individuali e sociali. Pertanto le decisioni in merito sono decisioni politiche che non hanno nulla a che vedere con discriminazione e diritti negati.
Andrea Cogliati, andreac71@hotmail.com

Questo articolo smentisce questo individuo,
http://www.newscientist.com/article/dn26572-largest-study-of-gay-brothers-homes-in-on-gay-genes.html#.VHF7W-Z_PMJ
Noi LGBT siamo sempre esistiti,e non saranno dubbi studi su oscure tribu’africane a inficiare la nostra sacrosanta lotta per l’uguaglianza contro violenze e persecuzioni.
Argomentazioni raffazzonate, luoghi comuni e muffa ideologica da quattro soldi. Se si fermassero a ragionare, gli omofobi capirebbero che l’omosessualità non può essere contemporaneamente “una parafilia” e “una scelta personale e sociale (?)”. NON E’ NE’UNA NE L’ALTRA COSA, è UNA NORMALE VARIANTE MINORITARIA DELL’ORIENTAMENTO SESSUALE UMANO. Mentre l’omofobia, come il razzismo, è una patologia sociale da curare con l’educazione.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: