Pubblicato da: rainbowman56 | 18 marzo 2014

Ditemi voi se questo è un uomo


http://brescia.corriere.it/notizie/cronaca/14_marzo_17/grigoletto-l-ho-uccisa-ma-non-avevo-premeditato-nulla-531212b4-adcd-11e3-a415-108350ae7b5e.shtml

Grigoletto: «l’ho uccisa. Ma non avevo premeditato nulla»

 

«Volevo stare ancora un poco con la mie bimbe. Per questo ho negato le responsabilità dell’omicidio. Ma sapevo che era questione di poche ore». Così ha detto durante la seconda udienza del processo a suo carico Claudio Grigoletto, il pilota che il 30 agosto a Gambara (Bs) ha ucciso la sua amante e dipendente, Marilia Rodrigues, incinta di lui.

Il pilota ha deciso di farsi interrogare e ha raccontato la sua versione: «anche se la relazione tra loro era finita» aveva deciso di occuparsi di Marilia e del loro bambino ma avevano litigato per via dell’abitazione che lei aveva scelto (l’affitto sarebbe stato eccessivo). E ritorna a descrivere la scena del crimine: durante il litigio all’interno dell’ ufficio a Gambara la ragazza avrebbe tentato di colpirlo con un paio di forbici e lui ha «perso la testa» le ha messo le mani al collo, strozzandola, inscenando poi la fuga di gas solo per attirare l’attenzione di qualcuno e far ritrovare quel corpo.

«Lei aveva in mano le forbici, voleva colpirmi»

«Marilia aveva in mano le forbici e ha tentato di colpirmi alla gola – ha raccontato l’ex pilota – io l’ho presa per un braccio facendola cadere. Lei ha sbattuto contro lo stipite della porta e ha cominciato a perdere sangue dalla testa. Le gambe le tremavano e io le ho messo le mani al collo e ho stretto», ha raccontato l’uomo, che più volte è scoppiato in lacrime ricostruendo l’accaduto. «Non volevo credere a quello che avevo fatto, ma ero consapevole di averla uccisa – ha aggiunto -. Quando ho capito che era morta ho aperto il gas della caldaia dell’ufficio. cosparso il corpo di ammoniaca e acido muriatico, poi ho messo i giornali e ho tentato di dare fuoco al corpo», ha aggiunto spiegando come nei giorni precedenti l’omicidio avesse più volte pensato al suicidio, a causa delle difficoltà economiche e perché sempre più in difficoltà a nascondere alla moglie, dalla quale ha avuto due bambine, la relazione clandestina con Marilia Rodrigues. «Dopo l’omicidio sapevo che la verità sarebbe venuta a galla e che sarebbe stata solo questione di ore – ha aggiunto Grigoletto -, ho sempre negato perché volevo godermi gli ultimi momenti felici con le mie figlie».
Il processo è stato aggiornato al prossimo 17 aprile per discussione e sentenza.

 

Hai capito? Ha “perso la testa”, il cocco! Prima tradisce la moglie con la segretaria, la mette incinta, la massacra (abbiamo solo la sua parola sul fatto che le l’abbia “aggredito”, ovviamente), poi dopo il macello si preoccupa della sua famiglia! Ma è un uomo, questo? O un subumano vigliacco senza un briciolo di spina dorsale, un impotente morale incapace di assumersi la responsabilità dei suoi errori? Quersto se non ha premeditato l’omicidio, come una certa “spesa” non proprio casalinga farebbe sospettare!  E il bello è che c’è gente che ci casca in questa scusa meschina. “ho perso la testa”1 La testa bisogna averla, per perderla. l’unica testa che quell’eunuco morale aveva era quella fra le sue gambe!  Povera famiglia di quel verme!


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: