Pubblicato da: rainbowman56 | 18 ottobre 2013

La Francia rigetta il ricorso: i sindaci non potranno rifiutarsi di celebrare matrimoni gay


Alla fine non ce l’hanno fatta: i sindaci francesi che aveano invocato il diritto all’obiezione di coscienza verso i matrimoni gay dovranno sottostare alle leggi dello Stato.
È quanto ha stabilito dal Consiglio costituzionale di Francia dopo aver esaminato l’appello presentato dal collettivo dei Sindaci per l’Infanzia. In quelle carte si rivendicava il diritto di poter scegliere se sposare o meno le coppie formate da persone dello stesso sesso dato che la «libertà di coscienza e di religione è garantita dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo e nel preambolo della Costituzione francese».
Il Consiglio, però, non ha avuto dubbi nell’affermare che i sindaci non si possono appellare alle proprie credenze morali e religiose durante lo svolgimento delle proprie funzioni, tra le quali anche la celebrazione di un matrimonio.
Il collettivo, però, pare non& volersi arrendere all’evidenza ed ha già annunciato la propria intenzione di ricorrere presso la Corte europea dei diritti umani (attualmente già alle prese con i ricorsi presentati da Silvio Berlusconi, Bernardo Provenzano e Vanna Marchi.).


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: