Pubblicato da: rainbowman56 | 13 dicembre 2012

Crema, cacciato il «prete in Mercedes»


«gravissimi comportamenti personali» dell’ex presidente Banco alimentare legato a cl

http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/12_dicembre_12/crema-prete-mercedes-ridotto-stato-laicale-inzoli-2113122935342.shtml

La Congregazione per la dottrina della fede ha disposto la riduzione allo stato laicale di mons. Mauro Inzoli

 

Mons. Mauro Inzoli (Fotogramma)Mons. Mauro Inzoli (Fotogramma)

CREMA (Cremona) – Il mondo cattolico cremonese è sotto choc. La Congregazione per la dottrina della fede ha disposto la riduzione allo stato laicale di monsignor Mauro Inzoli, 62 anni, ex parroco della Santissima Trinità a Crema, ex presidente del Banco alimentare e leader di Comunione e liberazione. Da ieri, don Inzoli non è più prete. L’annuncio del provvedimento è stato dato dalla Diocesi di Crema. «La pena è sospesa in attesa del secondo grado di giudizio – si dice nella breve nota diffusa -. Ogni altra informazione è riservata all’autorità della Congregazione per la dottrina della fede». È mistero sulle ragioni della decisione, adottata dal vescovo di Crema, monsignor Oscar Cantoni, in data 9 dicembre. I sacerdoti l’hanno appresa direttamente dal vescovo Cantoni, in una riunione convocata d’urgenza via mail senza specificare il motivo. Si parla però di «gravissimi comportamenti personali».

Carismatico, trascinante, potente ma affabile, chiacchierato per il suo presunto «affarismo», il «sacerdote in Mercedes», come veniva chiamato per la sua passione per le auto di grossa cilindrata, ha lasciato improvvisamente la parrocchia nell’ottobre del 2010. «Ho nel cuore la speranza che accoglierete chi prenderà il mio posto com’è stato per me. Io ho solo da ringraziare», ha detto nella sua ultima omelia. Da quel momento non si sa dove sia don Inzoli. Si era anche parlato di arresti domiciliari. Ma in Curia smentiscono. Ieri il cellulare del sacerdote squillava a vuoto.

Proprio in questi giorni è stato pubblicato il suo nuovo libro: si intitola «Era uno di noi» e ripercorre i trent’anni di vita privata di Gesù. «Ma voi vi immaginate – scrive l’autore – quando la sera andavano a letto e Lui si metteva in mezzo a loro come fanno i vostri bambini quando sbucano dal loro lettino e vengono nel lettone? Ed era Dio». Gilberto Bazoli

OOh,, ma che belle parole, che in bocca aun individuo simile hanno un suono decisamente sinistro!

La chiesa comincia a cacciare i preti pedofili? meglio tardi che mai, anche se ci sono voluti scandali a livello mondiale per farglielo fare!

(Interessanti i commenti (pubblicati) all’articolo sul corriere: vertono sul tema “hitler era cattolico o no?” Ma che c’entra?)

 


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: