Pubblicato da: rainbowman56 | 8 gennaio 2012

“Le IDI di Marzo”, di George Clooney


George Clooney non è certo il primo attore che intraprende la carriera di regista, e “Le Idi di Marzo” non è certo il primo film a denunciare le sporche manovre  della politica, il cinismo e i doppi giocdi  di chi è disposto a tutto pur di conquistare potere e successo, l’ipocrisia del puritanesimo sessuale americano. Ma forse “Le idi di Marzo” è il più pretenzioso: atmosfere  cupe e attenute, dialoghi e incontri in luoghi oscuri, dove drammatici confronti  si svolgono in un mormorare soffocato, sguardi persi nel vuoto, lacrime che si confondono con la pioggia Si sente la voglia di creare un prodotto “intellettuale”, sofisticato, ma secondo me la cosa riesce solo in parte. Il film è lento, e il finale è abbastanza fiacco, finendo non con un botto, ma quasi in un piagnisteo. La denuncia manca di mordente, e il “messaggio” si perde in un ronzare di telefonini.

P.S Avviso ai fan dell’attore Clooney: il protagonista non è lui, e infatti si vede solo in poche scene.

Voto: Buono, recitato bene, ma non eccezionale. Direi 8-


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: