Pubblicato da: rainbowman56 | 30 settembre 2011

Dal Corriere: lettera a Romano sul Bagnasco e il Berluska.


http://www.corriere.it/lettere-al-corriere/

LA CHIESA E BERLUSCONI ALCUNI MOTIVI DI SCONFORTO

Non le sembra che vi sia contraddizione e incoerenza fra le parole del presidente della Cei di condanna dei comportamenti sessuali di Berlusconi e il silenzio omertoso, che rasenta la connivenza, tenuto dalle gerarchie ecclesiastiche sui preti pedofili? Per loro è stata applicata, fin che è stato possibile, la politica del «lavare i panni sporchi in famiglia». Nel primo caso, nella peggiore delle ipotesi, si tratta di atti sessuali fra adulti consenzienti, mentre nel secondo si tratta di violenza su bimbi innocenti. Io penso che il cardinale Bagnasco abbia perso un’occasione per stare zitto e che anche per lui valgano le parole di Gesù quando disse «Chi non ha peccato scagli la prima pietra».

Un sondaggio realizzato dal tg della 7 ha mostrato come nonostante tutte le avventure sessuali di Berlusconi le intenzioni di voto siano rimaste pressoché inalterate. Segno evidente che quello che accade sotto le lenzuola del presidente del consiglio non interessa per nulla all’italiano medio, gli italiani hanno altro a cui pensare specie in questo periodo in cui le priorità sono altre, strettamente collegate alle sempre più scarse chance di sopravvivenza. Inutili quindi i predicozzi episcopali. La morale, e anche la non morale, non vengono impartite dal presidente del consiglio, non più dalla Chiesa cattolica, sempre meno dagli imam che fanno sempre meno presa sui fedeli islamici occidentalizzati a tempo di record.

Pietro Volpi e Mauro Amaldi Testa

LA CHIESA E BERLUSCONI ALCUNI MOTIVI DI SCONFORTOCari Lettori, Mi aspettavo un maggior numero di lettere favorevoli all’intervento del cardinale Bagnasco, ma quelle critiche e implicitamente favorevoli al presidente del Consiglio, come le vostre, sembrano essere, per il momento, prevalenti. A me sembra comunque che in questa faccenda non vi sia nulla di cui un italiano possa compiacersi. Non mi piace anzitutto che i comportamenti del presidente del Consiglio giustifichino i commenti critici della stampa internazionale, degli uomini di Stato stranieri (da ultimo il cancelliere Merkel) e delle Chiese. So che qualcuno sottolinea la necessità di separare la sfera pubblica da quella privata di un uomo politico. Ma Berlusconi ha continuamente confuso le due sfere e ne ha dato ripetute dimostrazioni fra cui l’uso pubblico delle sue residenze private e l’inopportuna telefonata alla questura di Milano nel caso della ragazza marocchina. Non mi piace che la Chiesa condizioni la politica italiana. Lo ha fatto stipulando un patto di mutuo interesse con il governo Berlusconi a cui dobbiamo una legislazione gretta e arretrata su alcune importanti questioni bioetiche. Lo fa ora pronunciando parole critiche, sia pure generiche e guardinghe, sullo stile del presidente del Consiglio. Fra queste due posizioni vi è naturalmente uno stretto rapporto. Il presidente della Conferenza episcopale non sarebbe intervenuto sulla moralità di Berlusconi se non fosse stato costretto a farlo dalla necessità di compensare, agli occhi dei fedeli, l’eccessiva familiarità degli scorsi anni con il governo di centro-destra. Non mi piace che l’intervento della Chiesa sia stato invocato da forze politiche e da intellettuali che si professano laici e non perdono occasione, in altre circostanze, per auspicare una maggiore separazione fra lo Stato e la Chiesa. Ma non mi piace neppure, infine, che alla Chiesa venga ingiunto di tacere perché lo scandalo dei preti pedofili non le darebbe il diritto di parlare. La Chiesa, piaccia o no, ha un’autorità morale che non può essere intaccata dagli errori dei suoi uomini; e i suoi provvedimenti, sia pure tardivi, dimostrano che è consapevole dell’esistenza del problema.

Non sono d’accordo sul fatto che la chiesa abbia un’autorità morale che non può essere intaccata dai misfatti di alcuni suoi rappresentanti. Intanto questi rappresentanti sono un numero piuttosto consistente, ma soprattutto le alte gerarchie per troppo tempo si sono rese colpevoli di omertosa connivenza  con i crimini dei preti pedofili, coprendoli o punendoli con trasferimenti che davano loro modo di ripetere i loro abusi. Questo, piaccia o no, ha tolto alla chiesa gran parte dell’autorità morale di cui- a mio avviso a torto- godeva, spesso abusandone

Quanto a quei “laici” che plaudono quando Bagnasco critica il Berluska, mentre altrimenti lamentano l’ingerenza della chiesa, bè, ci vorrebbe più coerenza. A me l’intervento di Bagnasco non è piaciuto per nulla, anzi, nel suo NON menzionare Berlusconi, ha vieppiù dimostrato l’opportunismo viscido della chiesa cattolica romana.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: