Pubblicato da: rainbowman56 | 6 Maggio 2010

L’italia si è costituita MALGRADO la chiesa


Lo Stato Italiano Unitario compirà presto 150 anni: se li paragonate ai quasi 1000 anni dell’Inghilterra e della Francia, ai 500 anni della Spagna, sono molto pochi. Ma se considerate che l’italia ospitava civiltà avanzate (Greci ed Etruschi, ancora prima che Romani) quando Francia, Germania e Spagna erano abitati da popoli barbari o semibarbari, l’Italia è un paese molto vecchio. L’Italia preromana aveva Galli, Liguri e Veneti al Nord, Etruschi, Umbri e Latini al centro, Greci, Sanniti, Iapigi, Cartaginesi al Sud. Unita non era di certo. A unirla ci pensarono i Romani, e a disunirla ci pensarono, secoli dopo, sempre..i romani, con l’aiuto dei bizantini.  Quando l’Impero Romano d’Occidente crollò, l’Italia rimase brevemente unita sotto i goti di Teodorico.  magari prima o poi, a lasciarli in pace, avrebbero creato uno Stato come i Franchi e gli anglosassoni. Ma Giustiniano voleva, nel 400, ricostruire l’Impero Romano, e impiegò vari decenni in una devastante guerra di riconquista dell’Italia. Una Italia stremata e annichilita fu facile terra di conquista per i Longobardi, che però non la conquistarono tutta: alcune parti rimasero Bizantine, e Roma, bè, Roma era l’intoccabile sede di quello che la falsa “Donazione di Costantino” chiamava “Patrimonio di san Pietro”. Come scrive Montanelli, forse i Longobardi avrebbero potuto far dell’Italia uno stato, come i Franchi con la Francia. “Ma”, dice Montanelli, “In Francia non c’era il Papa. in Italia, sì”  Lo Stato della Chiesa fu sempre la pietra d’inciampo nella costruzione di uno Stato Unitario, fin da quando chiamò i Franchi di Pipino e Carlomagno contro i Longobardi che la minacciavano. La latitanza del potere politico negli ultimi tempi dell’Impero e nei secoli successivi furono la base del potere della Chiesa su Roma prima, e poi sui territori chiamati “Stato della Chiesa”. Le pretese dio dominio universale della Chiesa divennero talmente esasperate da portare, con Bonifacio VIII, papa giustamente  messo all’inferno da Dante, allo schiaffo di Anagni e alla cattività avignonese. Nel frattempo l’Italia si era divisa al Nord in vari Comuni, Signorie, Principati, sempre in lotta fra loro, e il Sud unito aveva visto succedersi bizantini, Arabi, Normanni, tedeschi, angioini, Aragonesi..tutti popoli stranieri. L’Italia era ricca, civile, prma in Europa nelle Arti e nel Commercio..ma disunita. Lo Stato per l’Italiano è rimasto, per secoli, il proprio Comune, la propria città, o al massimo il Ducato di Milano, la Serenissima, la Toscana dei Medici, e gli altri staterelli assortiti. Non l’Italia, e tanto meno la chimerica “Padania” dei leghisti, divisa fra Piemonte, Milano, Venezia, Parma-Piacenza e Stato Pontificio, e mai sentita come unità politica. Una unità politica che le classi colte hano cominciato a sognare con l’Illuminismo, e a realizzare col Risorgimento, contro uno stato della Chiesa che non voleva saperne di libertà e istruzione per il popolo. La chiesa non accettò mai lo stato unitario, ma si accordò con  il fascismo , autoritario e totalitario come è sempre stata la chiesa cattolica. Io considero, con Montanelli, la creazione dello Stato Laico e Unitario d’Italia una delle poche cose buone fatte dagli Italiani dopo il Rinascimento.  Mi sento Italiano, Europeo, e considero il vaticano uno stato straniero, non solo,  ma nemico.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: